Estratti dalla Photogallery



Testimonianze dalla residenza

Hope Mooberry (Missuri)
Residente A.A. 2010-11Studentessa di Ingegneria Edile presso Missouri University of Science and Technology I didn't understand what the Villalta was when I signed up to stay there during my semester...
Continua >

Mariacarla Galli
Residente A.A. 2011-12Master in Shipping e Logistica IV Edizione I forestieri di passaggio a Napoli in primis conservano le memorie del mare, della pizza, dell'odore meraviglioso di sfogliatelle e...
Continua >

Rana Amache (Beirut)
Rana Amache (Beirut)Residente A.A. 2010-11Dottoranda presso University Of Westminster - Cavendish CampusOn the 1st of June 2010, I arrived to Napoli, a strange city, where I knew absolutely no one....
Continua >

Rosa De Vito
Residente da A.A. 2008-09 a 2010-11Laureata in legge. Aspirante notaio Villa Alta è per me un’esperienza straordinaria, un momento di crescita personale, culturale e spirituale. Personale...
Continua >

Marilena Iannicola
Residentne da A.A. 2003-04 a 2010-11Laureata in legge. Lavora presso Banca di Italia Fino all’anno scorso ero una residente di Villa Alta o meglio quella che qualcuno avrebbe definito con...
Continua >

Testimonianze

Michelangela Marangi
Residente fino all'A.A. 2014-15
Studentessa di Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II

"Sono Michela Marangi una studentessa di Giurisprudenza all'Università di Napoli Federico II ormai ex residente di Villalta, ma ricordo ancora quando nel 2010 terminati gli esami di maturità mi misi subito alla ricerca su internet di una residenza universitaria perchè pensavo che all'interno di un contesto del genere sarebbe stato più facile conoscere nuove persone che mi aiutassero a superare i mille dubbi e incertezze che una matricola fuorisede ha quando inizia il suo percorso universitario,soprattutto in una grande città come Napoli. Cercavo questo ma ho trovato molto di più... fin da subito sono stata accolta con affetto dall'ex direttrice Elisabetta Ciavarella che con grande disponibilità è stata sempre pronta ad ascoltarmi e a darmi buoni consigli di studio ma anche di vita.Villalta mi ha permesso di conoscere un mondo nuovo,più maturo, di mettermi alla prova, di rafforzare le mie doti, di crescere come studentessa, come amica e come donna perchè quando vivi con più di trenta ragazze capisci che a volte all'"io" deve prevalere il "noi",che alla solitudine deve prevalere la condivisione e che all'invidia o alla cattiva competizione deve prevalere il rispetto dell'altro. Guardandomi indietro capisco che non avrei potuto scegliere un posto migliore per vivere questa nuova esperienza perchè è anche grazie a Villalta che ho conosciuto le mie attuali amiche che reputo la mia seconda famiglia con le quali tra un incarico,lo studio,una tertulia,un festeggiamento ho convissuto quattro anni bellissimi. Oggi però che non vivo più a Villalta comprendo ancora di più la fortuna che ho avuto di entrare a far parte di questa grande famiglia e il bello è che non me ne sento esclusa perchè custodisco gelosamente dentro di me il bagaglio di ricordi di questi anni e so che la "Direzione" di Villalta è sempre pronta ad accogliermi a braccia aperte ogni volta che desidero tornarci."

Katarzyna Kral
Residente A.A. 2014-15
Chemistry PhD Student presso Università degli Studi di Napoli Federico II

"Someone may say: One month is not enough to make friends, get to know the beauty of different nationality traditions, habits and finally to feel like at home. Believe me or not I am certain, one month is enough. While I was preparing my visit to Naples I heard: be careful, it is a dangerous city. I did not know anything more. After coming to Villalta I realized I found myself in the safest and the most beautiful place I could ever dreamt before. My first impression was...wow. It is difficult to describe how unique that place is. Here, I would like to emphasize that besides gorgeous interior of the residence the most important were people whose kindness and support make you want to visit that place again. Even though I could not speak Italian, all Girls at the residence were trying to make conversation with me and paid their attention to me. What is more I was shown the most beautiful places in Naples (and not only there) and the place of the best Napolitan pizza! All these little things were very precious to me. There are still many things and places to see in Naples, so at the end I will say I hope to see you again soon!"


Hope Mooberry
(Missuri)
Residente A.A. 2010-11
Studentessa di Ingegneria Edile presso Missouri University of Science and Technology

"I didn't understand what the Villalta was when I signed up to stay there during my semester in Italy. I wasn't expecting to learn much from my residence, I was expecting to learn from my travels through Europe on the weekends and from my classes. But looking back on the experience, I learned more from living at the Villalta than I did from the other parts of my trip put together!

Not only is the residence absolutely beautiful, the girls and women living and working at the Villalta are some of the most beautiful people I have ever met. I was amazed at how it is possible to get to know someone, even though you cannot communicate with each other through language. Surprisingly, I feel like I was able to understand truly who these women are as people better than I would have been able to if I had been able to communicate through language! The girls showed me patience and love as they introduced me to their country, language, and culture. They welcomed me into their lives.

I immediately considered the Villalta as my home. After taking weekend trips, I would be so excited to return back to the Villalta! The girls were my family.
Living at the Villalta, I learned so much about Italian culture, economy, and world events. Being able to eat homemade, Italian cooking at every meal was so cool! Everyone I tell about the food is extremely jealous! I was also very impressed with the girls' interest in what is going on in the world and in politics. I very much enjoyed getting together after lunch for tertulia to read through the newspaper- I had never done anything like this before and I respected the practice very much. I also learned more about proper table manners, which I found very interesting. Now my friends laugh at me for the "proper" way I cut my food! Also, I am a protestant, and I very much enjoyed sharing my relationship with God with the girls. Everyone was eager to understand my beliefs, and I never felt judged. I had some very good conversations about the differences between Opus Dei and the way I see and worship God, and I learned there are not many! God is good and is truth, and it is amazing how He is the same through different cultures and different languages. This was a beautiful realization- that even when we cannot speak to each other, God speaks to us all, and unifies us in His grace and love.
When people ask me what I learned from my experience abroad, I always tell them the things I have learned by living at the Villalta! I cannot thank those beautiful women enough for being such gracious hosts and great friends. I will always remember my few months living in the Villalta with extreme fondness."


Rana Amache (Beirut)
Residente A.A. 2010-11
Dottoranda presso University Of Westminster - Cavendish Campus


"On the 1st of June 2010, I arrived to Napoli, a strange city, where I knew absolutely no one.
As soon as I arrived to Collegio Villalta, I was warmly welcomed and directly asked if I were hungry; that gave me a great first impression, I felt as I were coming home.
On the next morning I was introduced to all the girls and different members of the house who were always very excited to know everything about my background, culture and language etc…
During my stay there, for 2 months, I struggled to understand Italian, being a new language; however everyone helped, supported and encouraged me to the end.
The girls quickly became my friends; they showed me around Napoli, how to use busses, trains, we went to the beach, for gelato, shopping etc…
Regarding the house; I enjoyed the gardens, the computer room, my bedroom, the living room and the dining room. Everything was always clean, neat and simply perfect. The food was always delicious and freshly prepared.
I loved everything about Collegio Villalta, I was honored to know all the girls including Irene, Pia and Elizabeth. It was a wonderful experience that made me always feel that I'm at home."


Mariaconcetta Caggiano (Ariano Irpino)
Residente A.A. 2011-12
Master in Finanza Avanzata X Edizione
Risk office presso Banca del lavoro e del piccolo risparmio di Benevento

"Quando sono arrivata a Napoli per frequentare il Master in Finanza Avanzata 2012 ho deciso di andare a vivere presso il Collegio Universitario Villalta e da subito ho capito che non potevo trovare posto migliore! Mi sono sentita a casa mia, accolta da tutte, libera di poter condividere ogni momento della mia giornata e sicura di avere un grandissimo supporto morale in questa nuova esperienza che stavo cominciando. Ricorderò per sempre i festeggiamenti dei compleanni, la cena di Natale, la "tertulia" serale dove tutte noi riuscivamo a portarci qualcosa. E ancora le tante risate con le ragazze della mia stanza per sdrammatizzare una giornata piena di problemi e la condivisione di tante ansie e soddisfazioni.
Quando è arrivato il giorno in cui ho dovuto lasciare la residenza sapevo che stavo lasciando uno dei posti più preziosi per la mia formazione umana; si perché è lì che ho acquistato un'elevata sicurezza di me stessa!
Ringrazierò sempre Villalta per avermi accettata nella sua casa!"



Rosa De Vito
Residente da A.A. 2008-09 a 2010-11
Laureata in legge
Aspirante notaio

"Villa Alta è per me un'esperienza straordinaria, un momento di crescita personale, culturale e spirituale. Personale perché appunto con la conoscenza di tante ragazze ho avuto modo di apprendere quello che è il dono di se, l'aiuto, l'ascolto, la comprensione e il sostegno dell'altro. Qui ho capito che la gioia più grande non quella che vivi da solo, ma che si condivide. Qui ho maturato il senso di responsabilità attraverso gli incarichi che ci vengono conferiti, piccoli incarichi, come preparare la colazione, preparare la messa, dove ti rendi conto che la tua presenza è importante e non sei altro che un anello della catena, piccola, ma un anello della catena. Un'esperienza di formazione per me culturale, perché Villa Alta non è un collegio come tanti altri, attraverso una serie di attività interdisciplinari ti da la possibilità di arricchirti anche su materie che non sono poi il tuo interesse principale. La mia è stata anche una crescita spirituale grazie alle attività organizzate dalla prelatura dell'Opus Dei, ho avuto modo di approfondire tematiche dottrinali che avevo lasciato al tempo del catechismo e ciò grazie alle meditazioni settimanali e ai ritiri mensili. Per concludere tra le pareti di questa casa c'è, ci sono gli ultimi anni della mia vita, anni in cui ho avuto la possibilità di trovare amicizie leali e nella direzione di questo collegio una seconda famiglia che porto e porterò sempre nel cuore. Grazie"

Marilena Iannicola
Residentne da A.A. 2003-04 a 2010-11
Laureata in legge
Lavora presso Banca di Italia

"Fino all'anno scorso ero una residente di Villa Alta  o meglio quella che qualcuno avrebbe definito con un'espressione da me avversata, Una "vecchia" residente. Dei dieci anni che Villalta festeggia io ne ho vissuti ben sette. Sette anni accademici vissuti con intensità di persone, di esperienze, di luoghi che hanno caratterizzato un momento molto importante della mia vita. Sono approdata a Villalta  poco meno che diciannovenne, quindi avevo appena finito gli studi secondari e mi accingevo ad iniziare una sfida universitaria con il consueto bagaglio di attese e di paure e sogni per il futuro. Tanto più che provenivo da una realtà piccola quindi per me il confronto con una realtà dinamica e a volte anche frenetica come quella della facoltà di Giurisprudenza della Federico II era un banco di prova importante. Ed è stata una palestra di vita importante che mi ha consentito di prepararmi alle sfide professionali future e in questo approccio con il mondo universitario Villalta  è stata come una seconda famiglia che mi ha sostenuta, incoraggiata ed accompagnata nel percorso dei miei studi universitari e post laurea per consegnarmi poi ad una vita adulta e a una esperienza professionale e stimolate. Nella mia personale concezione un'esperienza autentica di residenza può essere guardata secondo tre diverse prospettive, tre visuali. Un'esperienza di residenza ti cambia. Innanzitutto è un'esperienza che ti cambia, perché apre i propri orizzonti a prospettive insospettate, attraverso la scoperta dell'altro che fa ingresso nel tuo mondo insistentemente con la sua ricchezza, con la sua diversità ed è proprio la scoperta dell'altro che ti consente di maturare certe consapevolezze. Innanzitutto che ognuno di noi non è la stella fissa al centro di un sistema solare, ma che esistono tanti universi ricchi ed il confronto con questi universi denota un profondo interscambio che arricchisce entrambi gli interlocutori. Villalta ti educa a relazionarti all'altro in maniera costruttiva mai defaticante, mai critica nel senso negativo. E ti insegna a confrontarti all'altro vedendo ciò che altro da te sempre come un'opportunità, accogliendolo come un'opportunità e non come un limite, nel rispetto delle idee, delle abitudini e delle diverse considerazioni altrui. La seconda consapevolezza è la capacità a non assolutizzare il proprio mondo e a ridimensionare quelle che sono le proprie esperienze confrontandole con le esperienze altrui. La seconda caratteristica propria della residenza autentica è quella che ti fa crescere perché ti insegna l'importanza di un impegno responsabile, il valore di una formazione seria, volitiva, l'importanza di un lavoro fatto bene, di un'etica del lavoro che va ben oltre l'affermazione personale e che ti consente di guardare al vero senso che c'è dietro le cose. A capire che infondo anche imparare a fare un letto bene è importante, perché un giorno lo insegnerai ai tuoi figli e ti insegna a gestire bene il tempo e a capire che il servizio, lungi dall'essere una mortificazione, è forse una delle manifestazioni più alte dell'animo umano. E quindi la terza conseguenza è che l'esperienza autentica di residenza  ti rende una persona migliore perché ti mostra la gioia che c'è nel donare un aiuto, un sorriso, dieci minuti di tempo, perché la vita in fondo è fatta di piccole cose, piccoli gesti quotidiani che gli danno più sapore e che la rendono speciale. Questi sette anni a Villa Alta  mi hanno consentito di accumulare un tesoretto che per me è fonte di grande forza e di positività, anche in contesto lavorativo, perché quanto mai un contesto lavorativo ha bisogno oggi di modelli positivi ed io di modelli positivi ne ho avuti e grazie alle persone che hanno popolato e diretto questa casa in questi anni ho imparato grandi cose, importanti cose su di me, importanti cose delle persone che mi sono state accanto. Con la testimonianza credibile e l'esempio delle persone che hanno diretto questa casa, io posso dire di essere cresciuta di essere diventata una persona adulta. Villalta mi ha lasciato una ricca eredità di affetti di relazioni autentiche, mai generate da un interesse personale, prive di qualsiasi secondo fine. Relazioni che resistono nonostante le distanza, nonostante a volte non ci sia neanche il tempo di fare una telefonata. Ed è per questa ragione che oggi gli auguri vanno innanzitutto alle residenti attuali che sono state mie compagne di ieri che ho visto cresce negli anni e con le quali sono cresciuta e alle residenti del domani. Alle residenti auguro che oggi iniziano questa fantastica esperienza con un invito sincero a vivere con intensità e a non perdere nessun momento di questa che è stata per me ed è un'esperienza unica di formazione personale ed umana. Grazie."

Mariacarla Galli
Residente A.A. 2011-12
Master in Shipping e Logistica IV Edizione

I forestieri di passaggio a Napoli in primis conservano le memorie del mare, della pizza, dell'odore meraviglioso di sfogliatelle e babà, dell'arioso lungomare.. la mia esperienza a Napoli ha avuto il sapore di una tradizione ben più antica della pizza: la famiglia.
Come quella che ho trovato a Villalta, un collegio universitario pieno di calore, di amicizia e di affetto reciproco. Chi potrà mai dimenticare le nostre cene, le chiacchierate, quello scambio di opinioni sempre sincero e costruttivo durante le tertulie? Sono sicura che le amicizie costruite nell'arco di 5 mesi dureranno nel tempo e che saremo sempre una nella vita dell'altra, perchè siamo un pò cresciute insieme, e continueremo a farlo anche se lontane.